Acqua in bocca, vi abbiamo venduto l’acqua

 

di Maddalena Parolin – da peacelink.it

Un articolo diffuso con il passaparola via e-mail e sui blog denuncia la privatizzazione dell’acqua pubblica in Italia, mentre continuano le mobilitazioni dal basso a difesa di un bene comune.
“Mentre nel paese imperversano annose discussioni sul grembiulino a scuola, sul guinzaglio per il cane e sul flagello dei grafitti, il governo Berlusconi senza dire niente a nessuno ha dato il via alla privatizzazione dell’acqua pubblica.

Il Parlamento ha votato l’articolo 23bis del decreto lege 112 del ministro Tremonti che afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell’economia capitalistica. Così il governo Berlusconi ha sancito che in Italia l’acqua non sarà più un bene pubblico, ma una merce e dunque, sarà gestita da multinazionali internazionali (le stesse che già possiedono le acque minerali).

Già a Latina la Veolia (multinazionale che gestisce l’acqua locale) ha deciso di aumentare le bollette del 300%. Ai consumatori che protestano, Veolia manda le sue squadre di vigilantes armati e carabinieri per staccare i contatori.

La privatizzazione dell’acqua che sta avvenendo a livello mondiale provocherà, nei prossimi anni, milioni di morti per sete nei paesi più poveri. L’acqua è sacra in ogni paese, cultura e fede del mondo: l’uomo è fatto per il 65% di acqua, ed è questo che il governo italiano sta mettendo in vendita. L’acqua che sgorga dalla terra non è una merce, è un diritto fondamentale umano e nessuno può appropiarsene per trarne illecito profitto. L’acqua è l’oro bianco per cui si combatteranno le prossime guerre. Guerre che saranno dirette dalle multinazionali alle quali oggi il governo, preoccupato per i grembiulini, sta vendendo il 65% del nostro corpo.

Acqua in bocca” Rosaria Ruffini – docente di teatro allo Iuav

La denuncia di padre Alex Zanotelli

In realtà si tratta di un decreto approvato il 5 agosto: il 26 agosto Alex Zanotelli aveva scritto sul settimanale Carta:

Mi giunge, come un fulmine a ciel sereno, la notizia che il governo Berlusconi sancisce la privatizzazione dell’acqua. Infatti il 5 agosto il Parlamento italiano ha votato l’articolo 23 bis del decreto legge numero 112 del ministro G. Tremonti che nel comma 1 afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell’economia capitalistica. Tutto questo con l’appoggio dell’opposizione, in particolare del Pd, nella persona del suo corrispettivo ministro-ombra Lanzillotta. (Una decisione che mi indigna, ma non mi sorprende, vista la risposta dell’on. Veltroni alla lettera sull’acqua che gli avevo inviata durante le elezioni!)

Dobbiamo darci tutti una mossa per realizzare il sogno che ci accompagna e cioè che l’acqua è un diritto fondamentale umano, che deve essere gestita dalle comunità locali con totale capitale pubblico, al minor costo possibile per l’utente, senza essere SPA. […]

Partendo dal basso, dalle lotte in difesa dell’acqua a livello locale, dobbiamo ripartire in un grande movimento che obblighi il nostro Parlamento a proclamare che l’acqua non è una merce, ma un diritto di tutti.

Diamoci da fare perché vinca la vita!

Alex Zanotelli 26 agosto 2008

Il decreto 23 bis

Il decreto legge, il 23 bis è intitolato “Servizi pubblici locali di rilevanza economica”, nel testo si legge:

“2. Il conferimento della gestione dei servizi pubblici locali avviene, in via ordinaria, a favore di imprenditori o di società in qualunque forma costituite[…]

5. Ferma restando la proprietà pubblica delle reti, la loro gestione può essere affidata a soggetti privati.[…]

(10. d.) tutti i servizi pubblici locali di rilevanza economica in materia di rifiuti, trasporti, energia elettrica e gas, nonche’ in materia di acqua.”

[Vedi www.acquabenecomune.org]

La mobilitazione della società civile

Si moltiplicano le iniziative promosse da associazioni, enti pubblici, cittadini, contrarie alla privatizzazione dell’acqua e volte a far riflettere sui consumi della risorsa idrica.

Continua la campagna di Altreconomia per diffondere l’uso dell’acqua del rubinetto, lanciata a fine settembre anche nella regione Puglia. E sono più di mille, in tutte le Regioni italiane, i ristoranti e i locali pubblici segnalati sul sito www.imbrocchiamola.org: l’ottanta per cento, ottocentocinquantotto, “danno” l’acqua del rubinetto.

Come il progetto “100% pubblica” a Venezia: www.100x100pubblica.blogspot.com.

Il progetto è basato sulle strategie di marketing utilizzate dalle grandi marche dell’acqua, rielaborate per sponsorizzare l’acqua pubblica come bene comune: una campagna di distribuzione gratuita di bottiglie vuote e mappe delle fontanelle pubbliche della città.

Oppure l’iniziativa che in provincia di Arezzo punta al risparmio dei litri d’acqua che quotidianamente finiscono… nello sciaquone: Aato 4, l’autorità di ambito territoriale ottimale dell’Alto Valdarno (AR), distribuirà gratuitamente a scuole e strutture pubbliche e sanitarie un semplicissimo sacchetto di plastica. “Riempito d’acqua e collocato nella cassetta del wc, consentirà di risparmiare 1 litro d’acqua ad ogni scarico senza modificarne minimamente il funzionamento e le abitudini dell’utente – annuncia il Presidente di Aato 4, Dario Casini. Il risparmio non è solo d’ acqua, ma anche di energia elettrica e di prodotti per la depurazione”. Statistiche nazionali indicano che ciascuna persona utilizza lo scarico del bagno almeno sei volte al giorno (fonte: www.forumrisparmioacqua.it)

O ancora, le iniziative raccontate da Massimo Cirri e Filippo Solibello nella trasmissione Caterpillar di Radio 2, tra queste quella di Casalmaggiore e altri comuni della Lombardia che distibuiscono, gratuitamente, acqua del rubinetto frizzante da fontanelle pubbliche.

Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua ha raccolto un gran numero di testimonial (musicisti, attori, scrittori ecc) a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare al fine di sottrarre l’acqua, questo bene essenziale alla vita, alle leggi del mercato e della concorrenza e per garantire a tutti l’accesso gratuito al quantitativo d’acqua minimo vitale giornaliero. Tra gli “Artisti per l’Acqua” Ivano Fossati, Stefano Benni, Beppe Grillo, Neffa, Marco Paolini, Cecilia Chailly e molti altri (www.acquabenecomune.org).

E’ un percorso ancora lungo quello della sensibilizzazione della politica, e dei cittadini, sul tema dell’acqua come bene comune, sulla sua gestione libera e sull’uso responsabile, con passi, come il decreto 23 bis, che fanno indignare, ma non abbattono il movimento dal basso. Le tante iniziative che si diffondono, anche grazie ai passaparola, ai blog, ad internet sono un segnale di un movimento vivace, fatto di parole ma anche di gesti molto concreti, come sono concrete le bottigliette riutilizzabili, gli erogatori di acqua corrente gassata, gli adesivi per le brocche o i sacchetti per gli sciaquoni.

———————————————————————————————————————————————————————————————————————————
qui una iniziativa interessante da considerare e divulgare:

http://www.portatoridacqua.it/

Lascia un commento

Archiviato in Articoli recenti

I commenti sono chiusi.