Acqua all’arsenico, bollette alle stelle

Un acceso dibattito sulla proposta di iniziativa popolare presentata dal Comitato Acqua Pubblica Velletri

 

Il Pdl si astiene, il Pd vota No, solo quattro consiglieri approvano l’iniziativa. «Un giorno triste per la democrazia a Velletri» è il commento di Andrea Palladino

Stefano Corradi

(Velletri – Attualità) – Giovedì infuocato al Consiglio Comunale di Velletri. Al punto due dell’ordine del giorno c’era in discussione la proposta di iniziativa popolare presentata dal Comitato Acqua Pubblica Velletri, per un ritorno alla gestione pubblica del servizio idrico. Appuntamento importante vista anche l’arsura di questi giorni che ha causato non pochi problemi a cittadini e residenti che si sono visti senza acqua per molte ore. Un folto pubblico ha partecipato alla discussione, appuntamento alle 16:30 presso il Palazzo comunale in Piazza Cesare Ottaviano Augusto. Faceva caldo all’interno dalle sala consiliare e l’argomento, quello dell’acqua, non ha aiutato di certo a spegnere gli animi ai promotori dell’iniziativa. Dopo la discussione di alcune mozioni presentate da diversi consiglieri, prende la parola Andrea Palladino, del Comitato Acqua Pubblica Velletri che dal banco della giunta ha evidenziato i punti delle loro proposta, iniziando il suo discorso con: «si scrive acqua, si legge democrazia». Palladino ha sviscerato gli accordi mancati, le mancate gare d’appalto che hanno concesso all’Ato2 di avere una posizione monopolistica nella gestione, di come Acea non abbiamo mantenuto e rispetto il contratto e di come la rete di distribuzione sia obsoleta e a colabrodo per i mancati interventi e finanziamenti. Poi si ferma, prende un bicchiere d’acqua, sorseggia e dice: «questa è acqua proveniente dalla sorgente del Simbrivio, una delle poche a non essere contaminata con l’arsenico». I disservizi sono tanti e la popolazione vive per giorni interi senza acqua. «Nel centro della città alcune famiglie si trovano senza acqua per 20 ore, mentre la tariffa dal 2008 è aumentata arrivando a superare quella di Roma». Palladino ha espresso le preoccupazioni e le lamentele delle oltre 900 persone che hanno firmato con lui la proposta. 900 persone, 900 famiglie che ogni giorno devono stare senza acqua che esce dai rubinetti.

La presentazione è stata ascoltata da tutti i consiglieri e assessori con attenzione, in particolar modo dall’Assessore con delega alla gestione dei rifiuti e rete idrica Sandro Moretti che ha etichettato la proposta dell’acqua «una buona diagnosi, di cui noi condividiamo al 100%, ma la terapia che propongono non è assolutamente possibile». Tutti i consiglieri che sono intervenuti alla discussione hanno fatto i complimenti al Comitato, alcuni hanno dichiarato addirittura che: «meno male che c’è Palladino e i suoi, altrimenti sarebbe necessario inventarli. Li ringraziamo per aver permesso al Consiglio comunale di discutere su un tema così importante». Tutti complimenti che sembravano come i baci dell’assassino prima di sferrare il colpo finale alla sua vittima. Tanti complimenti che alla fine di un estenuante consiglio, durato oltre le nove ore, non ha visto premiare l’iniziativa popolare.

Dalla destra arrivano le accuse alla giunta Servadio di non aver controllato l’operato dell’Acea e di non opporsi all’aumento della tariffa. Secondo Gianni Cerini (Pdl) «l’Amministrazione non ha rispettato l’accordo. Quando c’eravamo noi al governo della città, l’acqua c’era ora non più». Altri interventi puntano il dito sulla rete fatiscente, secondo Giancarlo Righini «è necessario rifare tutto l’acquedotto e il Comune non sarebbe in grado di farlo senza l’aiuto dell’Acea. Ci sono dei problemi oggettivi che qualsiasi sia il gestore sarà difficile da risolvere». Per Sergio Andreozzi (Sinistra l’Arcobaleno) affidare il servizio ad Acea «è stato un grande errore, e gli unici a rimetterci sono i cittadini». Per Fabio Taddei (Pd), gli elementi nocivi alla salute «hanno gli stessi valori degli ultimi anni, il problema è che i recepimenti dell’Unione Europea hanno modificato il valore minimo consentito». Secondo l’esponente Pd, nonché dottore in scienze biologiche, nella nostra acqua i dati dicono che: «c’è una quasi totale eliminazione del vanadio, è migliorato di molto il fluoro, resta il problema dell’arsenico, ma migliora leggermente». Vincenzo Bagaglini accusa il Pdl di aver votato loro il prezzo della tariffa durante la precedente amministrazione Cesaroni. Gianluca Trivelloni (Udc) ha ringraziato il comitato per il lavoro e nel suo intervento critica aspramente la giunta Servadio e la maggioranza in consiglio. «La proposta non dice di uscire da Acea, non c’è scritto da nessuna parte».

Interviene a questo punto il Sindaco Servadio che invita i consiglieri a votare secondo coscienza senza alcun “diktat” politico imposto dall’alto. «Abbiamo realizzato il pozzo di Poggidoro, abbiamo fatto l’acquedotto ma l’acqua non arriva. Non pensiate che io batta le mani ad Acea, quando andiamo alle riunione dell’Ato, ma la nostra può essere solo una battaglia politica, non possiamo uscire all’Ato2 ed invito i cittadini a continuare a pagare». Ritorna al microfono Palladino che accusa la sala di non ascoltare: «noi non abbiamo mai detto di uscire da Acea, né di non pagare le bollette, ma di creare un consorzio tra i comuni dei Castelli Romani e di contestare le bollette, un diritto sacrosanto. È un giorno triste per la democrazia a Velletri» ha concluso.

 

1 Commento

Archiviato in Articoli recenti

Una risposta a “Acqua all’arsenico, bollette alle stelle

  1. omeopatiaebiologico

    L’arsenico, che a Velletri raggiunge i 50 microgrammi per litro, dà luogo a intossicazioni croniche e ad affezioni cancerose. Non viene eliminato con la bollitura dell’acqua, i normali filtri dell’acqua non lo trattengono. Passa inalterato nelle piante e nella frutta.
    La sua origine è vulcanica e i pozzi scavati in profondità pescano acqua contaminata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...