Cosa sono gli allevamenti biologici

Vacca Maremmana
Vacca Maremmana

L’ALLEVAMENTO BIOLOGICO ha come concezione l’allevamento degli animali rispettando l’etologia della specie e i criteri di benessere animale, che negli allevamenti tradizionali intensivi vengono disattesi .

Prima di tutto vengono alimentati con prodotti vegetali di origine biologica prodotti nella stessa azienda. Il numero dei capi è proporzionale alla terra disponibile per farli pascolare. Le razze devono essere rustiche e possibilmente del luogo che bene si adattano a un tipo di vita naturale. Usare razze selezionate è un errore perchè non hanno la capacità di adattamento. Sono vietate le manipolazioni genetiche e la somministrazione di integratori sintetici

L’allevamento biologico segue criteri normativi definiti dall’Unione Europea, attraverso il

Regolamento CE 1804/99 e a livello nazionale con il D.M. n. 91436 del 4 Agosto 2000.

Principi generali sono:

  • gli animali devono essere alimentati con prodotti vegetali ottenuti con metodo di produzione biologico, coltivati di preferenza nella stessa azienda o nella stessa zona in cui l’azienda ricade;
  • l’allevamento degli animali con metodo biologico è strettamente legato alla terra: il numero dei capi allevabili è in stretta relazione con la superficie disponibile;
  • l’impiego di razze ottenute mediante manipolazione genetica è vietato;
  • il trasporto del bestiame deve essere quanto più breve possibile ed effettuarsi in modo da affaticare il meno possibile gli animali. Le operazioni di carico e scarico devono effettuarsi senza brutalità ed è vietato l’uso di calmanti durante il tragitto;
  • il trattamento degli animali al momento della macellazione o dell’abbattimento deve limitare la tensione e, nello stesso tempo, offrire le dovute garanzie rispetto all’identificazione e alla separazione degli animali biologici da quelli convenzionali;
  • è preferibile allevare razze autoctone, che siano ben adattate alle condizioni ambientali locali, resistenti alle malattie e adatte alla stabulazione all’aperto;
  • le strutture per l’allevamento devono essere salubri, correttamente dimensionate al carico di bestiame e devono consentire l’isolamento dei capi che necessitano di cure mediche. Inoltre devono essere assicurati sufficiente spazio libero a disposizione degli animali;
  • la dieta deve essere bilanciata in accordo con i fabbisogni nutrizionali degli animali. Il 100% degli alimenti deve essere di origine biologica controllata;
  • non possono comunque mai essere somministrati agli animali allevati con metodo biologico: stimolatori di crescita o stimolatori dell’appetito sintetici; sottoprodotti animali (es. residui di macello o farine di pesce), fatta eccezione per il latte e i prodotti lattiero-caseari; organismi geneticamente modificati; vitamine sintetiche.

Per poter parlare di prodotti preparati (trasformati, conservati o condizionati) biologici:

  • la materia prima deve provenire da aziende agricole inserite nel Sistema di Controllo;
  • gli impianti di lavorazione devono essere differenti o, nel caso di impianti unici, devono essere preventivamente puliti da ogni residuo della lavorazione precedente;
  • ogni operazione deve essere controllata da un tecnico ispettore dell’Organismo di controllo.

Autore : Prof Andrea Martini